• Maurizio Fanciullacci

E’ di nuovo boom: in 1500 per le vie di Firenze per la Notturna di San Giovanni

Dopo la coraggiosa edizione a numero chiuso dello scorso anno, è stato l’evento della vera e

propria ripartenza l’edizione 2022 della Cetilar Run 82esima Notturna di San Giovanni,

la seconda corsa più antica d’Italia, che è tornata a invadere le vie del centro storico di

Firenze, ancora una volta caratterizzata dalla stretta partnership con l’azienda toscana

Pharmanutra ed il marchio Cetilar, per l’organizzazione di Firenze Marathon, sulla

distanza omologata di 10 km. In 1500, provenienti da tutta Italia e dall’estero, hanno corso

per le vie di Firenze nell’evento che tradizionalmente apre le celebrazioni del Santo Patrono

della città.


Dopo la partenza (alle 21 esatte) e l’arrivo in Piazza Duomo, la vittoria in campo maschile è

andata al burundiano Jean Marie Niyomukiza, portacolori della Libertas Unicusano Livorno

che ha chiuso in 30”33 e che ha battuto allo sprint il keniano Hosea Kimeli Kisorio della

Libertas Orvieto, vincitore delle edizioni 2018 e 2019 e quarto lo scorso anno. Più staccato

Mohammed El Quardy, portacolori dell’Atletica Signa (32’40”). Andrea Riondina

dell’Atletica Livorno è stato quarto in 33’05” davanti a Girma Castelli dell’Orecchiella

Garfagnana (33’22). Tra i primi dieci anche Ayoub Bouras del G.S. Il Fiorino (33’44”),

Massimo Mei dell’Atletica Castello (quinto lo scorso anno e vincitore nel 2016). Andy DIbra

del Fiorino (33’46”), Lapo Parissi della Polisportiva Chianciano (33’51”) e Carmine Salvia

della Toscana Atletica Futura e vincitore lo scorso novembre della 30’ in Piana a Campi

Bisenzio.


Tra le donne arrivo in solitaria per Catherine Wanjiru Njiha, keniana dell’Orecchiella

Garfagnana in 35’17”. Seconda in 30’33” la connazionale Fridah Muthoni Gachiengo della

Virtus Lucca che ha chiuso in 36’08”. Sul terzo gradino del podio Francesca Battacchi

dell’Acquadela Bologna in 40’41”.


A seguire Denise Cavallini del Parco Alpi Apuane (classe 1995 e omonima della più

conosciuta portacolori del Lammari, che gareggia anche nel triathlon) in 40’50”, poi Letizia

Rosi dell’Atletica Marciatori Mugello (40’50”).

Il podio delle società più numerose è stato composto da Il Fiorino con 37 iscritti, seguito da

La Nave con 27, terzo posto per la Montecatini Marathon con 19 iscritti.

In una serata calda ma comunque godibile, alle 21 sono partiti i 1500 podisti che si sono

assicurati il pettorale, in un clima di festa con tanti turisti incuriositi ad applaudire.

Il via è stato dato da Cosimo Guccione, assessore allo sport del Comune di Firenze che ha

salutato i podisti con queste parole: “Atleti, stasera avrete la possibilità di correre a Firenze e

di farlo nel momento più bello, quando arriva la sera”. Con lui Claudio Bini, presidente della

Società San Giovanni Battista, oltre al presidente di Firenze Marathon, Giancarlo Romiti e

tutto lo staff di Firenze Marathon, che ha organizzato l’evento in collaborazione con Atletica

Firenze Marathon e il patrocinio del Comune di Firenze.

A tutti i partecipanti è stata consegnata la maglia tecnica Joma disegnata da Susanna Alisi

che raffigura la volta del Battistero con gli atleti in fase di riscaldamento.

Come da tradizione anche l’Esercito Italiano è stato presente all’evento con uno stand

promozionale in piazza San Giovanni, mentre lo staff di Pharmanutra ha dispensato consigli

tecnici e fornito il servizio massaggi.


Altri partner sono stati Game7 Athletics per il supporto alle iscrizioni; Conad, San

Benedetto ed Enervit per il ristoro post evento mentre la Fulvio Massini Consulenti Sportivi

ha curato il servizio pacer, per dettare l’andatura di gara a chi lo desiderava.

Ora è conto alla rovescia verso la Firenze Marathon fissata come da tradizione nell’ultima

domenica di novembre, il 27 novembre.


Fonte: comunicato stampa

foto di Andrea Renai per Ufficio Stampa Firenze Marathon

2 visualizzazioni0 commenti