• Gianni Di Ferdinando

Igor Tudor torna a Siena e riceve dall’Aiac la ‘Briglia d’Oro’

SIENA - Una stagione e mezza dal gennaio del 2005 con la maglia del Siena. Una esperienza coronata da due salvezze consecutive, con De Canio allenatore, che lo hanno spinto a legarsi indissolubilmente alla città. Igor Tudor, autore di uno scintillante campionato alla guida del Verona, condotto a un passo dall’ Europa, e’ tornato a Siena per ricevere con orgoglio e soddisfazione la ventinovesima edizione della’ Briglia Oro’, l’annuale riconoscimento assegnato dalla sezione provinciale dell’Aiac, l’associazione degli allenatori di calcio. Tudor accompagnato dalla moglie e da due dei tre figli, si è di nuovo immerso nel clima della città, per gustarsi, viversi, percepire sensazioni, ricordi, certezze. Un legame come ha confermato il tecnico croato con la città “ che si rinsalda, si rafforza e che non mi farà mai staccare”. Tudor, con la maglia del Siena, ha collezionato 39 presenze e due reti, con la Lazio e il Milan e nel corso della consegna del premio si è ritrovato al fianco del suo capitano in maglia bianconera, l’ex difensore, Michele Mignani che, nell’occasione, ha ricevuto il riconoscimento per aver riportato il Bari in serie B. Tudor, nel corso della sua lunga giornata nella città del Palio, ha anche condotto uno stage di aggiornamento tecnico - tattico alla presenza degli allenatori iscritti alla sezione di Siena dell’ Aiac, che è stato apprezzato dai numerosi presenti. Una bella giornata di calcio, che ha già lanciato idealmente il testimone per l’edizione del 2023 della ‘Briglia d’Oro’.

1 visualizzazione0 commenti

Post correlati

Mostra tutti