• mfanciullacci

il 25 Aprile al Visarno, la Corsa dell’Arno e “Il Cappello più bello per Corri la Vita”

Lunedì 25 aprile, a partire dalle 15, all’Ippodromo del Visarno di Firenze (piazzale delle Cascine, 29) appuntamento con la storia per la 195a edizione della “Corsa dell’Arno”. Dopo due anni, penalizzati dalla pandemia, la competizione al galoppo più longeva d'Italia tornerà ad accogliere il pubblico senza restrizioni e a coinvolgerlo nel concorso de “Il cappello più bello per Corri la Vita”, organizzato in collaborazione con il Consorzio Il Cappello di Firenze. Una tradizione nella tradizione che da sempre rafforza le radici inglesi della corsa e, al contempo, esprime la vocazione solidale dell'evento.

Protagonisti dell’evento, assieme ai cavalli purosangue provenienti da tutta Italia, saranno i cappelli più eleganti ed estrosi, ma anche la solidarietà. Tutto il ricavato della vendita dei cappelli realizzati dalle manifatture fiorentine del Consorzio che hanno aderito all'iniziativa (Angiolo Frasconi, Facopel, Grevi, Italmind, Marzi e Memar) e parte degli incassi derivati dalla vendita dei biglietti di ingresso al Visarno (€5; l’ingresso è libero per i bambini) saranno infatti devoluti in favore di Corri la Vita Onlus, impegnata ad aiutare le donne colpite da tumore al seno, e a finanziare progetti per la prevenzione, la diagnosi precoce e la cura della malattia.

Il programma della giornata è stato presentato questa mattina alla Club House dell’ippodromo. A fare gli onori di casa Carlo Meli della Sanfelice-Ippodromo del Visarno, insieme all’assessore allo Sport del Comune di Firenze Cosimo Guccione, Alessio Marzi, presidente Consorzio del Cappello di Firenze, e Bona Frescobaldi, presidente dell’Associazione Corri La Vita onlus.

«Finalmente torniamo con un’edizione “completa” della “Corsa dell’Arno” – ha detto Carlo Meli –. Siamo lieti della rinnovata collaborazione con il Consorzio del Cappello di Firenze e con la Corri la Vita Onlus, che ci permette di riproporre, oltre alla storica corsa al galoppo che affonda le sue radici nella prima metà dell’Ottocento, l’ormai tradizionale concorso de “Il cappello più bello per Corri la Vita”. Sport, solidarietà, ma anche storia e cultura in un contesto che mette tutti d’accordo, appassionati dell’ippica e della moda, grandi e piccini e, perché no, anche semplici curiosi».

«Felicissimi che dopo due anni di restrizioni possa tornare la Corsa dell’Arno all’Ippodromo del Visarno – ha aggiunto Alessio Marzi –. Onorati di dare il nostro contributo alla nobile causa di Corri la Vita. Un ringraziamento speciale alla famiglia Meli per l’impegno e la visibilità che danno al mondo del cappello, un accessorio tramandato e rinnovato nel tempo e che oggi più che mai regala spensieratezza e bellezza alle nostre giornate».

«Corsa dell'Arno e solidarietà saranno un binomio vincente anche quest' anno – ha dichiarato l'assessore Cosimo Guccione –. L’evento del 25 aprile unisce la tradizione delle corse ippiche, quella della grande manifattura toscana e quella della solidarietà rappresentata da Corri la Vita. Questa competizione rappresenta un qualcosa di speciale dato che è la più antica manifestazione di ippica in Italia. E sono sicuro che uno degli appuntamenti più attesi dello sport fiorentino sarà una grande giornata di festa».

«Siamo molto felici, dopo due anni di stop a causa della pandemia, di poter partecipare nuovamente ad uno degli eventi che più appassiona la città, capace di coniugare moda, storia e solidarietà – ha affermato Bona Frescobaldi –. Questa settimana edizione del "Cappello più bello", abbinato alla 195a edizione della Corsa dell’Arno, rappresenta una nuova conferma dell’affetto di Firenze verso Corri La Vita, con un sostegno che non si è mai fermato neanche nei momenti di maggiore difficoltà che tutti noi abbiamo dovuto affrontare. Siamo orgogliosi di far parte di questo mondo e di poter destinare tutto ciò che ci viene donato a progetti concreti di aiuto per tutte le donne che devono combattere la battaglia più importante della loro vita, il tumore al seno».

Sono due le modalità per partecipare al concorso “Il cappello più bello per Corri la Vita”: presentarsi all'ippodromo con un proprio cappello oppure acquistarlo al punto vendita allestito per l’occasione dal Consorzio. L’inizio della sfilata per “Il cappello più bello per Corri la Vita” è fissato alle 16, sulla terrazza panoramica. L’offerta minima per iscriversi e partecipare al concorso è di €10.

Alla fine del pomeriggio di moda, divertimento e cavalli, saranno premiati i vincitori delle tre categorie in gara: il cappello più elegante, quello più originale e, infine, il cappello più bello indossato da bambini o bambine fino agli 11 anni di età. Per ogni categoria saranno premiati i primi tre cappelli classificati, secondo i punteggi distribuiti dalla giuria. I premi, tre per ciascuna categoria comprendono viaggi e oggetti di design messi a disposizione dai numerosi sponsor della ormai tradizionale manifestazione.

Oltre alle corse al galoppo e al concorso, la giornata offrirà, secondo tradizione, molte attività collaterali, dedicate in particolare alle famiglie e ai bambini. I più piccoli potranno divertirsi con lo staff della Scuola del Circo “En Piste” e, al termine delle corse, con lo spettacolo del Circo. Il Centro di Teatro Internazionale offrirà ai bambini uno speciale spettacolo con le marionette.

In caso di pioggia, il concorso “Il cappello più bello per Corri la Vita" e tutte le attività potranno essere svolte al coperto. I cancelli del Visarno verranno aperti alle 13, la Corsa dell’Arno partirà alle 15. Il Concorso “Il cappello più bello per Corri la Vita” alle 1


Foto e testo: Ufficio Stampa Ippodromo del Visarno Ufficio Stampa Corri la Vita

0 visualizzazioni0 commenti