• Gianni Di Ferdinando

Toh chi si rivede. Fabrizio Lucchesi, è il nuovo diesse del Monterosi

VITERBO - Abita a un chilometro dal campo, ci va anche a piedi. Non si sa se si tratta di una scelta di vita o di un’ occasione per rientrare in un mondo, quello del calcio che, nelle ultime stagioni, spesso lo ha respinto. Società problematiche, dirigenti improvvisati, non lo hanno certo aiutato nelle sue scelte e lui ne ha pagato il conto in prima persona.


Dai tempi della Roma, Fabrizio Lucchesi, empolese, ex diesse oltre che, dell’Empoli anche della stessa Roma e della Fiorentina non che del Pisa che, con Rino Gattuso in panchina, riportò in serie B, vive sulla Cassia, dove le province di Roma e Viterbo si toccano, in una zona dove risiede anche Sinisa Mihajlovic, il tecnico del Bologna. Negli ultimi tempi era rimasto alla finestra, dopo che era rimasto scottato dalla mancata trattativa per l’acquisto del Palermo. Guardava il calcio dalla tv, facendosi vedere poco in giro e mantenendo i suoi contatti attraverso il telefono e i social.


Piano piano, come per gioco, si è avvicinato al Monterosi, vivendo a un tiro di schioppo dall’ impianto, curiosa realtà emergente del calcio laziale, che ha conquistato la promozione in Lega Pro, vincendo uno dei gironi meridionali, grazie all’amicizia con il presidente del sodalizio. Un imprenditore romano, Luciano Capponi, vulcanico, ambizioso, che ha impiantato nel cuore della Tuscia una colonia calcistica tutta proveniente dalla capitale, costituita da tecnici, giocatori e dirigenti.


Mancava la ciliegina sulla torta, l’uomo, il manager di calcio, che prendesse per mano la società in questo primo stimolante e pericoloso approdo in Lega Pro.

Lucchesi, dirigente al quale le scommesse piacciono, lo intrigano, si è fatto contagiare dall’idea, si è gettato a capofitto nella nuova avventura e da alcune settimane lavora come nuovo diesse del Monterosi, per costruire una squadra che, anche nel variegato mondo del professionismo, possa dire la sua. E questa volta non vuole fallire, ripartendo proprio da Monterosi, verso chi sa quale altra metà calcistica.

5 visualizzazioni0 commenti

Post correlati

Mostra tutti