• Francesca Perna

Per la prima volta nella storia della Fispic saranno due le atlete del judo a Tokyo

Il movimento paralimpico negli ultimi anni è cresciuto moltissimo e i successi degli atleti paralimpici sono sempre di maggior impatto nel panorama sportivo nazionale ma anche internazionale. A riprova di tutto ciò quest’anno, per la prima volta nella storia della Federazione italiana sport paralimpici per ipovedenti e ciechi, saranno due atlete a rappresentare l’Italia sul tatami delle Paralimpiadi in programma a Tokyo. L’impresa è stata possibile grazie alle prestazioni magistrali di Carolina Costa e Matilde Lauria, punte di diamante del Judo azzurro.

Se la partecipazione a Tokyo 2020 di Carolina Costa era già nota e certa (la campionessa messinese si presenterà alla massima rassegna iridata al vertice del ranking mondiale della disciplina +70 kg), è delle ore scorse la notizia della conferma anche per Matilde Lauria (-70 kg). La judoka napoletana sarà a Tokyo come 19ª atleta del ranking, 2ª nella sua categoria (B1).

In casa Fispic si festeggia e il presidente Sandro Di Girolamo non nasconde l’entusiasmo: “Avere due atlete alle Paralimpiadi ci riempie di orgoglio, è una gioia immensa, Le qualificazioni di Carolina Costa e Matilde Lauria sono il giusto premio per due grandi atlete e, al tempo stesso, sono il frutto dell'ottimo lavoro svolto negli ultimi anni dal Consiglio federale, che ha creduto molto in questa disciplina, e dell'impegno encomiabile dello staff tecnico federale. Siamo felicissimi e speriamo di lottare fino in fondo per conquistare una medaglia con le nostre campionesse".


Foto del Comitato Italiano Paralimpico

0 visualizzazioni0 commenti